Volata salvezza Serie B, Foggia, decisivi gli scontri diretti. Venezia e Carpi calendario facile.

Nove giornate al termine della stagione. Otto per il Foggia Calcio che deve pagare dazio con il turno di riposto previsto dal calendario della Serie B. La volata salvezza, si può dire, è arrivata al rettilineo finale. Almeno otto sono le squadre in corsa. Dall’Ascoli in giù tutte sanno di dover dare il massimo per non farsi sorprendere. Ma chi ha il calendario, almeno sulla carta, più duro da affrontare. Abbiamo provato a studiarlo tramite le partite da giocare, il numero degli scontri diretti e le partite contro le squadre in corsa per la promozione.

Difficoltà **
VENEZIA – Chi ha maggiori chance di salvarsi sembra essere il Venezia. Basterebbe un punto ai lagunari per essere già oggi fuori dalla bolgia salvezza. Con nove partite a disposizione l’undici di Cosmi affronterà solo il Brescia tra le big ed avrà a disposizione quattro scontri diretti. Due al Penzo contro Foggia e Crotone, due in trasferta contro Ascoli e Carpi. Giocare una partita in più di alcune delle rivali potrebbe giocare ulteriormente a favore dei veneti.
CARPI – Non è difficile il calendario del Carpi che però deve fare in conti con una posizione (l’ultima) che rende proibitivo il sogno salvezza. Due big in trasferta, Benevento e Lecce, poi quattro scontri diretti in casa con Crotone, Padova, Cremonese e Venezia, uno in trasferta a Livorno. Anche il Carpi potrà giocare una partita in più di alcune rivali (nove in totale).

Extra -  Foggia Calcio, parla solo Corda: “Brutta partita, colpa mia. Ma l’arbitro…”

Difficoltà ***
CREMONESE – Nove partite da giocare, tre big da affrontare in casa (Verona, Lecce e Brescia), quattro scontri diretti salvezza. Due in trasferta con Crotone e Carpi, due allo Zini con il Livorno e il Foggia. Basterebbe poco per evitare di essere nella mischia.
PADOVA – Una partita in meno delle altre, ovvero otto da giocare. In programma ci sono i match contro le big Palermo, Benevento (fuori) e Lecce (casa). Poi tre scontri diretti. All’Euganeo contro Ascoli e Livorno, in trasferta a Carpi. Ma non sarà semplice con la classifica di oggi agguantare la salvezza.
FOGGIA – Una partita in meno delle altre, ovvero otto da giocare. Si va in casa delle big Brescia e Verona, poi tre scontri diretti con Venezia e Cremonese in trasferta e Livorno in casa.

Difficoltà ****
LIVORNO – Nove partite da giocare ma difficoltà altissima. Tre le big da affrontare. Brescia e Palermo in casa, Verona in trasferta. Poi quattro scontri diretti equamente divisi. Si va a Foggia e a Padova, mentre in casa ci sono Cremonese e Carpi.

Extra -  Maiuri, tecnico del Sorrento: “Il risultato è figlio di una partenza sprint. Potevamo gestire meglio nel 2° tempo”

Difficoltà *****
ASCOLI – Il calendario più difficile è quello dell’Ascoli. Nove partite da giocare, sette delle quali in salita. Tra le big al Del Duca scenderanno il Benevento e il Palermo, mentre in trasferta ci sono Lecce e Brescia. Tre gli scontri diretti. In casa quello col Venezia, fuori quelli con Padova e Crotone.

Ma queste sono previsioni. E come tali vanno prese, perché l’unico dato certo è che chi avrà più cervello ed energie da spendere riuscirà a prevalere sugli altri. Già, perché il numero elevato di scontri diretti da qui a metà maggio potrebbe sovvertire e rimodulare la classifica come adesso la conosciamo.